Le promesse di settembre

_SAB6094 OK copia

Ci siamo,

è passato quasi un anno dalla pubblicazione di ROmantiCK Cinema e quasi una vita per la misurazione del tempo in anima…(concetto un po contorto ma spero comprensibile…).

Durante quest’anno ho comunque scritto canzoni, figlie di ispirazioni estemporanee e preziose. Adesso però, è tempo di ricerca.

C’è un momento critico e difficile tra l’intenzione di scrivere una canzone e la sua realizzazione. Non c’è solo da aspettare ma c’è da cercare. Nel mio caso c’è , ancora prima, un fare pace. Con la musica? no…con me stessa, che poi fa lo stesso. Qualcuno dice che ci vuole un grande caos per far nascere una stella…io dico che invece ci vuole dapprima una grande pace.E’ la realizzazione pratica che è il caos.

L’inizio è duro. Devi lottare contro la pigrizia, le forze autodistruttive, le difficoltà esterne, in fin dei conti contro tutto ciò che è dentro di te e che ti limita. Quella che chiamano “ispirazione” è assoluta libertà. E’ quella piccola porticina che apre all’infinito, che avvicina al divino. basta lasciarsi andare per varcarla. Ma se hai paura , se hai pigrizia, non muovi un passo. Purtroppo le sabbie (im)mobili che ci intrappolano i piedi sono sempre in agguato, dentro e fuori la tua persona. Ecco perchè l’artista è artista, perchè se ne frega, perchè è libero, perchè è sempre un po il bambino affascinato da quel mondo invisibile della fantasia, perchè non ne puo fare a meno.

E’ settembre, come un bambino che comincia a camminare, io con molta cautela mi appresto a muovere i piedi sulle 7 note. Non si ricomincia mai, si comincia sempre. Perchè non c’è mai una fine, solo pause. Prima di sedermi al pianoforte o davanti al computer, c’è la ricerca. L’ascolto, l’assorbimento da quello che è esterno. E’ un lavoraccio di cui non è detto che vieni ripagato se non attraverso la soddisfazione di te stesso che hai superato una sfida con te solo, ti sei rimesso in gioco, ti sei seduto , hai cercato e trovato.

Le conseguenze di questi “settembre” sono spesso piccole opere d’arte, nel senso piu umile del termine.

Dimenticarsi nel mondo, del tempo, dello spazio , di ogni misura, di ogni limite o preoccupazione, della notte e del giorno, del prima o del dopo, del “poi”, dei se e dei ma, della razionalità e delle mille domande sulla vita ,della propria persona,puo essere questo un lavoro?
Si…

…e dei piu nobili.

Ania Cecilia

#evaglieloaspiegà #solosolocanzonette

settembre 5, 2013. Things. Lascia un commento.

Della musica e dell’amore (che poi è uguale)

 Circa 4 mesi fa ho scritto una canzone, l’ho chiamata “Niente di speciale”.Poi ne ho scritte altre ma dopo quella mi sembra di avere detto tutto. E non è presunzione anzi, è la sensazione di aver vuotato il sacco. Fermo restando che mi auguro e spero ogni notte, quando mi metto al piano o davanti ai fogli bianchi, di scrivere la canzone piu bella di tutte le altre.

Della sorte di quella canzone cosi come di tutte le altre non posso discutere, data l’incertezza di ogni mio momento di vita non mi è dato saperlo. Fossi Tiziano Ferro saprei come andrebbe a finire.Ma io no…

Sono nata gia innamorata di una cosa che non si tocca e che non si afferra e che non ti abbandona,che ti lega e che ti nutre e affama! Dedicata come sono ad un arte cosi eterea e fatta d’aria mi chiedo cosa resterà di tutto questo tempo passato a scrivere canzoni adesso che nemmeno piu i cd esisteranno.

La gente continua a scaricare canzoni dai siti gratis e tu lavori per niente (o quasi).

E’ come se d’improvviso ci si accorgesse che il pane lo si puo fare solo con l’aria e i panettieri continuassero a produrre pane con la farina.

E non si puo vivere senz’ aria, e nemmeno senza farina.

P100924003

Ania Cecilia

marzo 1, 2013. Things. Lascia un commento.

Baudelaire

E’ un libro che ho sempre vicino e di cui mi nutro “I fiori del male ” di Charles Baudelaire.

baudelaire

I poeti , la loro poesia sono linfa per me . Mi incuriosisce attraversare la loro vita con l’aiuto di racconti e biografie.Le creazioni degli artisti sono per me gli accenti che scandiscono il tempo nella storia.Raccontano la società e il vissuto dell’umanità e ci aiutano a capire chi siamo.

Vi linko un indirizzo interessante di caffè letterario in cui si racconta di un poeta che amo, Charles Baudelaire, e da cui ho tratto le parole che ho sottoscritto e che sento assolutamente vicine.

Le parole sono queste:

“Con l’avvento della società industriale e il trionfo del mercato la poesia come l’arte diventa un prodotto come tanti riproducibile e a basso costo.Il poeta perde allora il suo ruolo privilegiato rispetto all’uomo comune sia perché il frutto del suo lavoro è ridotto a merce sia perché i cittadini della nuova SOCIETA’ DI MASSA non hanno piu tempo per ascoltarlo. In questo contesto deprivante l’artista sarà difatti un eccentrico che vive al di sopra della societa e assume atteggiamenti anticonvenzionali.”

“L’amore somiglia a una tortura o a una operazione chirurgica.Quand’anche due amanti fossero innamoratissimi uno dei due sarà sempre piu calmo e meno posseduto dell’altro.
Certo io crederei di compiere un sacrifici affiancando la parola estasi a questa sorta di decomposizione. Spaventevole gioco dove bisogna che uno dei giocatori perda il dominio di se stessi”
Charles Boudelaire

” Bisogna essere sempre ubriachi. Tutto sta in questo: è l’unico problema. Per non sentire l’orribile fardello del tempo che rompe le vostre spalle e vi inclina verso la terra bisogna che vi ubriacate senza tregua. Ma di che? Di vino, di poesia o di virtù, a piacer vostro. Ma ubriacatevi. E se qualche volta sui gradini d’un palazzo, sull’erba verde d’un fossato, nella mesta solitudine della vostra camera, vi risvegliate con l’ubriachezza già diminuita o scomparsa, domandate al vento, all’onda, alla stella, all’uccello, all’orologio, a tutto ciò che fugge, a tutto ciò che geme, a tutto ciò che ruota, a tutto ciò che canta, a tutto ciò che parla, domandate che ora è; e il vento, l’onda, la stella, l’uccello, l’orologio vi risponderanno: è l’ora di ubriacarsi! Per non essere gli schiavi martirizzati del tempo, ubriacatevi; ubriacatevi senza smettere! Di vino, di poesia o di virtù, a piacer vostro.”
Charles Baudelaire

gennaio 23, 2013. Things. Lascia un commento.

Non ho vent’anni…

ne ho qualcuno in piu, non canto canzoni ,vivo maledettamente la vita mangiandomela e poi rimettendola nota x nota, parola x parola. Questo vorrei dire a chi si sente in diritto di mettersi a confronto, di snobbarmi o, all’opposto, idolatrarmi. L’apparenza e le etichette svaniscono nel nulla, l’arte è tutto cio che rimane del nostro passaggio. Quindi smettiamola di giocare alla guerra del chi è piu importante, siamo solo gente.

Photo 25-03-12 21 22 24

Ania Cecilia

gennaio 15, 2013. Things. Lascia un commento.

Che il cibo sia la tua medicina, la medicina sia il tuo cibo”. Ippocrate (il padre della medicina)

Ciao a tutti,

oggi tra una cosa e l’altra, sono incappata in un video su you tube che mi ha abbastanza sconvolto.E poi fatto riflettere. Da qui è nata una piccola ricerca personale.Il video in questione (che adesso vi linko) è tratto da un piccolo saggio centrato sulle cause maggiori di cancro sulla base di ricerche mediche dello scenziato tedesco Otto Heinrich Warburg, premio nobel nel 1931 proprio per la scoperta sulla causa primaria del cancro.

Per la salute di tutti noi , e anche per una informazione in piu, invito tutti voi a seguire il video fino all’ultima parola senza annoiarvi. Io ne sono rimasta cosi sconvolta che ho dovuto fermare il video per tre volte per riprendere fiato.

Eccolo qui:

http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=3nAX-2WlOmo

Per dare voce e ascolto a chi pensa che sia la solita bufala che gira su internet vi allego anche un blog di non so chi che smentisce tutto:

http://ilblogdipizzi.blogspot.it/2012/11/la-bufala-della-causa-primaria-del.html

Detto questo la cosa che maggiormente mi ha preoccupato è che praticamente il 90% DEL CIBO CHE NORMALMENTE TUTTI NOI CONSUMIAMO viene reputato acido e quindi cancerogeno. Della carne e del latte e derivati gia ne stavo alla larga ma …la pasta! Il pane! come si fa a vivere senza questi alimenti ? chi ci da la forza di affrontare la giornata? E poi le verdure soltanto crude…I cereali solo integrali…In pratica dovremo mangiare solo frutta e verdura (cruda).

Io sono una fanatica dello sport, ne pratica circa 2 ore al giorno quando posso, e l’ho sempre ritenuto ESSENZIALE nella vita di un essere umano.Mangio molto pesce, e non ho ben capito se anch’esso è un cibo malvagio ma suppongo di si, le uova sono di derivazione animale quindi non si puo…insomma si riduce tutto a molto poco. Mi viene da pensare che saremo anche piu sani, ma forse un po magri e un po deboli?Chi di noi non ha provato a portare avanti un’alimentazione di sola frutta e verdura per un paio di giorni senza sentirsi assolutamente deboli?

In pratica, facendo un piccolo reconto i cibi no per il dott.Warburg sono :

zucchero raffinato, carne e tutti i tipi di prodotti animali, formaggi, latte, yougurt e ricotta,sale raffinato, farina raffinata e derivati pasta torte biscotti pane, margarina, conservanti, caffeina the nero cioccolato alcool tabacco, antibiotici e medicine, qualsiasi cibo cotto. Cibi in scatola con coloranti e conservanti.

I cibi si:

Si verdure crude. Frutta tutta, il limone primo fra tutti. Cerali integrali, mandorle, il miglio fra tutti, miele, clorofilla, soprattutto aloe vera.Tanta acqua.

Mi sono soffermata sulla questione FARINA.Per farina raffinata si intende la comunissima Farina00 che tutti conosciamo e abbondantemente consumiamo in tutti i modi.Mi sono dunque chiesta nelle epoche storiche del passato cosa usassero per fare il pane e mi sono risposta: il pane azzimo. Cosi sono andata a vedere com’è fatto il pane azzimo ed effettivamente questo pane non ha lievito, ne farina 00.

“Il pane azzimo (dal greco ἀζύμη = senza lievito), talvolta scritto pane azimo[1], è un tipo di pane preparato con farina di cereali e acqua, come tutti gli altri pani, senza tuttavia aver subito il processo di fermentazione avviato dall’aggiunta di lievito.”

Da WIKIPEDIA:

http://it.wikipedia.org/wiki/Pane_azzimo

Non provate a cercare la ricetta del pane azzimo su internet perchè , come me, vi ritroverete di fronte a ricette falsate che prevedono l’uso della solita farina 00.Non credo che Gesù Cristo e gli uomini del suo tempo conoscessero la farina raffinata. Se trovate qualche ricetta diversa magari avvisatemi 😉

Ho cercato quindi ulteriori notizie sulla farina00 e ho trovato questo altro blog che ne parla cosi:

http://www.greenme.it/mangiare/alimentazione-a-salute/7628-la-farina-00-e-dannosa-per-la-salute-ecco-perche

La domanda quindi è nata spontanea: cosa possiamo utilizzare al posto della farina00? Come suggerito dalla pagina che vi ho appena postato esistono un paio di mulini ancora in Italia che macinano il grano a pietra tra cui vi segnalo questo:

http://shop.farinaearte.it/

E’ chiaro che i prezzi sono alti.Le cose genuine ormai se le possono permettere in pochi.Vallo a dire a una madre di 4 figli e un solo stipendio (quando va bene) che la pasta e le merendine fanno male…

La ricerca potrebbe continuare all’infinito amici, perchè ormai è chiaro che siamo assolutamente e completamente invasi da cibi spazzatura. Ce li offrono e in un certo senso impongono, anche a costi bassissimi, molto probabilmente perchè sulla salute (anzi sulla malattia) della gente c’è un traffico di interessi cosi grosso di cui non abbiamo idea.

Personalmente subito dopo aver letto tutto queste cose sono andata al supermercato e ho fatto scorta di frutta, verdura mangiabile cruda e madorle, tanto male non fa, anzi. Mentre ero alla cassa attendendo il mio turno guardavo la spesa degli altri e notavo quanto praticamente TUTTO quello che avevano acquistato fosse del tutto contrario a quello che il dottor Warburg ritiene alcalino. Tanta carne rossa, insaccati, cibi in scatola, bibite gasate, formaggi e latticini, latte, dolciumi. E cosi ho pensato : a cosa mi serve eventualmente vivere 100 anni senza cancro se il resto della popolazione, i miei affetti compresi, muoiono per alimentazione sbagliata? (da li è scaturita l’immagine di Will Smith in “Io sono leggenda”, ossia solo lui rimasto vivo nell’intero pianeta terra ahahahahha).

Che dirvi? Per quanto mi riguarda prediligerò ancor piu le verdure, mangerò ancora piu frutta, cercherò di bere piu acqua ma so gia che sarà dura pensare al pane e alla pasta come alimenti nocivi e soprattuto…sarà impossibile non mangiare cioccolata, e non bere alcolici grrrrrrr! Ma , cosa piu importante, la cosa che mi sta piu a cuore è far si che le persone che amo, e tutti voi abbiate cura del vostro corpo cosi come della vostra mente. Anche questo è difendersi. Difendersi da un mondo che vuole imporci le sue dottrine basate sul consumismo e sul capitalismo, dalle corporazioni internazionali che sul cibo e sulle medicine speculano essendo il piu grosso interesse economico esistente anche superiore a quello del petrolio (il cancro del mondo).

Informarsi, sapere, è il primo passo per DIFENDERSI.

Che il cibo sia la tua medicina, la medicina sia il tuo cibo”.

Ippocrate (il padre della medicina)
Io-Sono-La-Leggenda

gennaio 9, 2013. Things. 1 commento.

Cos’è per te la musica?

Questa mattina mi sono svegliata di soprassalto perchè stavo sognando di essere rimasta chiusa in un ascensore piccolissimo, e io soffro di claustrofobia.E ho anche capito il perchè di quel sogno.

Ora vi spiego cos’è per me la mia esistenza, anche se non sarà facile farlo.

Io credo che tutta la mia ascensore sia la musica. Se nella mia vita c’è la musica la mia ascensore è infinita,se non c’è è piccola come quella del sogno.

Ci sono giorni che mio malgrado non posso passarli scrivendo musica o cantando o suonando, ma facendo altro, la vita quotidiana. Ieri è stato un altro di questi giorni, impegnata in cose diverse dalla musica e tanto lontani da essa. Sono andata a dormire stanca, nel fisico e nella mente ma non serena. Quando mi sono messa sotto le coperte un senso di vuoto e di frustrazione mi è venuto a trovare, una sensazione forte e bruttissima di inutilità,di chiusura,di claustrofobia vera e propria dentro una vita che in quel momento mi è apparsa piccolissima.

Senza la musica io mi sento persa. Se in una giornata non ho fatto almeno una cosa per e nella musica mi sento di aver perso un giorno.Mi sento traditrice e tradita da me stessa senza la musica. Un naufrago su un’isola deserta e inutile, una specie di vagabonda senza punti di riferimento, viaggiatrice che sa la meta ma che non conosce la strada, e comunque lontana anni luce da casa. Vorrei tanto che non fosse cosi.

La mia anima è perennemente un mare in tempesta , tante cose nella vita mi fanno da salvagente ma la musica no,non è un salvagente, lei è il porto dove trovo riparo, dove posso smettere di nuotare e riposare. La musica non mi fa volare, anzi,mi fa stare con i piedi per terra (sentendo di volare).

Conoscete il dialogo nel film Il Postino? Lui dice a Neruda: “io vorrei essere un poeta ma non so se lo sono”, Neruda gli risponde: “puoi immaginare la tua vita senza la poesia?” “No”. “Ecco, allora sei un poeta”.

Cosi io non ho mai pensato o riflettuto sull’essere o non essere una cantautrice, e non ho mai deciso o scelto di farlo. So soltanto che , senza, non mi mi sento viva. Senza mi sento in gabbia a vivere una vita non mia. E cosi devo mettermi a cercare suoni e parole, melodie e pensieri da far diventare una canzone.E poi devo cantarla e interpretarla.E poi devo condividerla. “Devo”, non “Voglio”. Ho capito, nel corso del tempo, che non posso scindere me stessa da questa cosa, pure se volessi. Ho capito che quello che cerco con la musica è affetto.Ho capito che pure su un palco importante o nella mia cameretta, io non posso non darmi alla musica. Ho capito che è una condanna felice.

Ania Ceciliafoto

dicembre 1, 2012. Things. 2 commenti.

“Così Imperfetta e Perfetta Così”

“Così imperfetta e perfetta così”….

Io sono l’opposto del concetto di “perfetto”…sono tutta imperfetta.Tutta disordine,squilibrio, tutta storta.

Per esempio…è notte, sono a letto e mangio cioccolata…Questa è una cosa assolutamente sbagliata dicono gli esperti di diete, benessere e sport, perchè si accumulano grassi e zuccheri e poi si sta fermi. Però io lo faccio perchè mi rilassa un pezzetto di cioccolata fondente a letto.A volte bevo un bicchiere di vino prima di dormire…

Poi…ho i capelli crespi.Ricci e crespi. Li stiro con spazzola e phon e grazie a prodotti di moderna efficacia riesco a tenerli lisci ma mai abbastanza…non sono mai lisci e ordinati come ne vedo in giro, no! i miei sono strani, vanni per i fatti loro. Come simbolo proprio della mia imperfezione. Ho un orecchio a sventola, sono un pochino miope, ho l’alluce valgo, soffro di asma e rinite allergica e …mi fermo qui…ma potrei continuare per parecchio.

A volte stono.Si… a volte stono.Questa cosa molti non la direbbero perchè per una cantante vale come una bestemmia ma la voce è uno strumento delicatissimo, collegato al cervello, al benessere psico fisico,all’umore, e a tanti meccanismi particolarissimi e umanissimi.Quindi puo capitare che ti metti al piano, come poco fa, provi a cantare e ti fai schifo.Cosi t’innervosisci e magari te la prendi con qualcuno che non c’entra o con cose fuori luogo.

Ho un carattere forte ma mi abbatto facilmente.Cado in voragini di tristezza e in abissi di scoramento unici.All’improvviso mi crolla tutto e perdo entusiasmo per tutto e mi butto giu. Cosi investo tutto il mondo che mi circonda di un alone di tristezza e pessimismo indecenti, facendo danni a me stessa. E anche questa è una cosa che non va bene.

Penso solo alla musica, a tutto il resto della vita do meno conto e quindi non mi godo nulla.Questo è un grande limite perchè non riesco a scorgere la bellezza delle piccole cose che , pare, siano il segreto del vivere felici.

Insomma, non sono perfetta, sono l’esatto contrario.Mi stanno sulle palle quelli che lo sembrano, o che lo vogliono per forza sembrare e ancor piu quelli che pare proprio che lo sono! Mi piace la gente che si porta appresso i propri difetti senza nasconderli,e che insegue comunque i proprio obiettivi fregandosene dei limiti.La gente che tra mille difficoltà va dritto al sodo, fregandosene dell’apparenza.

Oggi è difficile seguire quegli standard di perfezione che l’apparire ci impone.Si rischia l’esaurimento nervoso.Io penso che la bellezza serva se vista come gentilezza, cura, impegno, audacia.
Per il resto,accettiamoli sti difetti…ci rendono unici…

ottobre 24, 2012. Things. 2 commenti.

La vita è strana…

Riflettevo in questi giorni che la vita è proprio strana. O meglio, a volte prende delle pieghe tutte sue.

La settimana che è appena finita è stata molto importante e impegnativa per me. Mercoledi è uscito ROmantiCK Cinema, il mio terzo disco, e nello stesso giorno a Roma c’è stata anche la presentazione del film di cui faccio parte.Alla feltrinelli di roma stesso quel giorno ho cantato alcune canzoni dell’album, al mattino c’è stata la conferenza stampa del film, il photocall, le interviste e la sera di corsa al Cinema Adriano per la primissima, con tanto di red carpet.

Mai nella vita ho cercato red carpet, photocall e trattamenti da grande attrice e invece è proprio quello che ho ricevuto.
Cose che , sono sicura, tante ragazze che sognano di fare cinema ,si ammazzano di sacrifici (come me per la musica) per ottenere e invece a me, è capitato cosi,per caso, attraverso la musica. Tutto quello che invece io ho sognato , e tutt’ora sogno, è un po piu di attenzione da parte delle radio, quelle che dovrebbero proprio dar voce alla nostra musica.La cosa piu semplice per chi fa musica diventa la piu difficile!

Allora tu sacrifichi tutta la tua vita, sbatti le corna corno il muro e scrivi tutte le canzoni del mondo per anni solo per ottenere un po piu di attenzione dalle radio e la vita di tutta risposta ti da un ruolo in un film, attenzioni da giornalisti di cinema, red carpet e quant’altro.Ben vengano altrochè!…ma non l’ho cercato! Cosi come non ho mai cercato di scrivere canzoni per Mina, Patty Pravo…è capitato.

Morale della favola: Il destino si compie aldilà delle nostre ansie e delle nostre paure ma non aldilà dei nostri sforzi. Per cui battiamoci e buttiamoci a fare tutto il possibile e l’impossibile per quello che vogliamo ma senza soffrirne.Peccato però….che spesso la teoria è una pratica cosi impossibile…Io per far arrivare le mie canzoni a quante piu persone possibili, per condividere questo mio grande amore non smetterò mai di battermi 🙂

A questo proposito linko qui il video di Guardami : http://www.youtube.com/watch?v=R4uU5zN3CNg

“E sono libera e incatenata, artista temporanea senza gloria e senza infamia. E sono l’anima e la materia, e chiedo scusa se la musica è per me cosi…necessaria” (L’Artista-ROmantiCK Cinema)

Ania Cecilia

settembre 22, 2012. Things. 2 commenti.